martedì 10 dicembre 2013

PRESENTATO il volume "LA COPPIA PERFETTA" a POMERIGGIO QUI



"LA COPPIA PERFETTA"
il volume, 
edito da Artestampa, 
presentato in trasmissione a QuiTV




La Confraternita del Gnocco d'Oro, invitata in trasmissione a Pomeriggio Qui,
nell'accogliente salotto di Maria Cristina Martinelli. Il Gran maestro della Confraternita Luca Bonacini, ha raccontato le finalità del volume, i grandi contributi di famosi giornalisti e chef, le interpretazioni delle ricette modenesi in abbinamento al gnocco, il gnocco del futuro realizzato da chef stellati. Un pomeriggio a parlare di Gnocco e del volume appena pubblicato, ci mancava solo che qualcuno si mettesse a friggere ...


Il filmato della presentazione nel link :

http://www.tvqui.it/index.php?option=com_allvideoshare&view=video&slg=pomeriggio-qui-la-coppia-perfetta&orderby=latest&Itemid=1053

domenica 8 dicembre 2013

EVENTI CONFRATERNITA : in "VIA TAGLIO 12" si mangia Gnocco e si premia la foto più bella


il GAZZETTINO 
della CONFRATERNITA
Il Gnocco la fa da padrone in centro a Modena oggi pomeriggio, tanta gente dalle 18 al Bar Via Taglio 12: Gnocco per tutti, e una foto per partecipare al concorso indetto dal locale.





"GNOCCO DELLA MADONNA"
in "Via Taglio12" a Modena
DA DOMENICA 8 DICEMBRE

il locale di via Taglio 12, giunto al terzo posto nella classifica della giuria tecnica della Confraternita del Gnocco d'Oro, ha lanciato un'iniziativa natalizia. Oggi DOMENICA 8 DICEMBRE, GNOCCO FRITTO offerto a TUTTI, per festeggiare l'ambito riconoscimento ricevuto dalla Confraternita, e una foto con il gnocco in mano a cui l'appassionato del cibo modenese non potrà sottrarsi, e partecipare cosi al concorso indetto dal locale modenese. La Polaroid digitale, coglierà l'attimo in cui il gnocco appena fritto sarà gustato, la foto verrà appesa all'albero di Natale del locale, e nei giorni successivi verrà premiata la foto più divertente.  










giovedì 5 dicembre 2013

GNOCCO PER TUTTI ALLA REZDORA DI FIORANO (MO)



GAZZETTINO della 
CONFRATERNITA del GNOCCO D'ORO



Inauguriamo da oggi una rubrica sull'attività della Confraternita del Gnocco d'Oro, i locali aderenti al circuito, friggono in allegria, ma si adoperano anche per animare i loro locali e i quartieri, dando vita a iniziative, eventi, presentazioni, che vi segnaleremo puntualmente :





VENERDI 6 DICEMBRE, 
GNOCCO PER TUTTI 
AL BAR LA REZDORA 
in Via Collegio Vecchio, 5
a Fiorano Modenese (Mo)

Venerdi 6 dicembre dalle ore 18 alle 21, verrà offerto un ricco aperitivo a base del prelibato gnocco fritto preparato con cura dal bar ristorante "La Rezdora"di Fiorano Modenese. Un occasione per assaggiare il gnocco qualificatosi al primo posto nel Concorso indetto dal Resto del Carlino, che verrà proposto in alcune golose varianti. "Ringrazieremo i clienti e gli amici che hanno votato per noi contribuendo a farci arrivare primi, con il più classico degli stuzzichini modenesi, gnocco fritto con i salumi, con la crema, la marmellata, la nutella ..." ha affermato Vita Santarsiero, insieme al fratello, gestori del locale "La Rezdora".





venerdì 29 novembre 2013

II Gnocco di Ermes, aiuta le cause nobili

- gnocco a fin di bene -
4600 pezzi di Gnocco per chi ha bisogno
Ermes Rinaldi e la moglie Bruna, festeggiano i primi 50 anni della storica trattoria, mentre gli "Amici di Ermes"preparano 4600 pezzi di Gnocco, e raccolgono una consistente somma di denaro da donare ad associazioni benefiche 

di Gianluca Gnoccobello





Il gnocco protagonista sempre e comunque, domenica 3 novembre, insieme a tantissima gente accorsa in piazza Grande accanto alla Ghirlandina e al Duomo, per festeggiare Ermes e Bruna della trattoria Ermes, il piccolo grande locale che da 50 anni ristora la città e chi viene a visitarla, offrendo la più pura tradizione. Un'iniziativa preceduta dalla distribuzione di un giornale ideato da Angelo Giovannini ed Ennio Cottafavi, dedicato al 50° dello locale storico modenese, contenente articoli, aneddoti, pensieri affettuosi, scritti dagli amici della coppia di ristoratori. 4600 pezzi di Gnocco fritto preparati  in poco più di dieci ore dal gruppo "Gli amici di Ermes" che da anni ormai segue il suo ispiratore, nelle trasferte con finalità benefiche organizzate ovunque ci sia qualcuno a cui dare una mano. Dal primo cittadino di Modena l'Avvocato Giorgio Pighi, all'ultima persona che con pazienza ha chiuso l'interminabile fila, tutti in attesa di un pezzo di gnocco caldo, da acquistare per la nobile causa e per la piacevolezza di quel inconfondibile sapore che vuol dire tradizione. Nessuno si è tirato indietro, e la somma raccolta al termine della manifestazione è stata distribuita alle associazioni: Asham - Associazione sportiva handicap Modena; Aseop; Parrocchia di S. Agostino; Annfas - famiglie di disabili intellettivi e relazionali; Angela Serra - ricerca sul cancro; Grg - adozione di bambini a distanza del Kenya e Congresco; Cooperativa Sociale che si occupa di persone affette da autismo a Sassuolo. L'iniziativa ha inoltre reso possibile l'acquisto di un defibrillatore donato per l'attività dei volontari della Protezione Civile. Buon Compleanno Ermes e Bruna !

Bruna e Ermes,
circondati dall'affetto della città






sabato 23 novembre 2013

IL CESTINO DELLA CONFRATERNITA del Gnocco d'Oro


IL CESTINO DELLA CONFRATERNITA
Fatto dono ai giornalisti e gourmet intervenuti alla presentazione della classifica dei migliori bar e ristoranti del gnocco, di un goloso kit del modenese doc.

di Gianluca Gnoccobello



Modena non poteva non accogliere con la sua tradizionale ospitalità gli esperti gourmet venuti da lontano per assistere alla presentazione del volume "La Coppia perfetta", e la proclamazione dei migliori bar e ristoranti che quotidianamente friggono gnocco a balus (che in idioma modenese significa: in quantità). Il benvenuto ai dieci esperti giornalisti eno gastronomici, direttori di guide prestigiose, e sommelier blasonati, che hanno scritto alcune piacevolissime pagine del volume "La Coppia perfetta", consisteva in un cestino offerto dal Salumificio Gigi, con alcuni prodotti che non possono mancare nella bisaccia del Cavaliere de Gran Gnoc: i tradizionali ciccioli frolli, ciccioli freschi, lardo modenese da affettare sottile, aglione per crescentine, e l'immancabile strutto, elemento imprescindibile per la frittura perfetta. Ma il kit del modenese doc, non poteva non contenere per i confluiti a Modena al Trofeo Gnocco d'Oro 2013, il pregiato aceto balsamico tradizionale Giusti, in una speciale edizione "Confraternita", e un utilissimo grembiule con logo "Gnocco d'Oro", insomma tutto il necessario per friggere in allegria e farcire altrettanto felicemente il buon gnocco modenese, una volta rientrati alle rispettive destinazioni. 


Il volume a cura di Luca Bonacini: "La Coppia Perfetta", è un viaggio alla scoperta dei più gustosi ed originali abbinamenti del gnocco fritto. Fra i più interessanti c’è sicuramente quello con l’Aceto Balsamico, grazie al suo perfetto equilibrio fra dolcezza e acidità che ben si sposa con le particolarità del gnocco. Ma contiene oltre cinquanta differenti ricette sfiziose da abbinare al gnocco fritto modenese, oltre a ricette creative di chef stellati. 


per informazioni sul volume "La Coppia Perfetta"
www.artestampaweb.it

venerdì 22 novembre 2013

IL VERDETTO: LA CLASSIFICA DEL MIGLIOR GNOCCO fritto a Modena 2013

il verdetto:
TROFEO GNOCCO D'ORO 2013
la Confraternita del Gnocco d'Oro consegna alla città una ricerca che ha impegnato i suoi Cavalieri de Gran Gnoc per oltre due anni, individuando il miglior gnocco fritto a Modena e provincia nei bar e nei ristoranti


Foto di Stefania Endrici

Presentato il risultato e conclusa la lunga ricerca effettuata da oltre 50 Cavalieri de Gran Gnoc, che hanno perlustrato in lungo e in largo la provincia di Modena, alla ricerca dell'eccellenza e delle tante anime del Gnocco fritto. Chef, sommelier, esponenti delle più importanti guide di settore, gourmet, giornalisti, e semplici appassionati della "Coppia fumante", hanno saputo cogliere con la loro ricerca le tante declinazioni del Gnocco, che contraddistinguono la giornata dei modenesi e di chi arriva da fuori: la colazione, l'aperitivo, il pranzo, la cena, dove la pietanza modenese viene di volta in volta proposta con il cappuccino, come stuzzichino, come antipasto, o come sostanziosa cena, in accompagnamento ai salumi e alle prelibatezze del territorio. In una scoppiettante cerimonia in Camera di Commercio a Modena, è stata presentata il 21 novembre 2013 alla città la ricerca, consegnando ai professionisti del Gnocco più virtuosi, giunti in finale, l'ambito riconoscimento di Gnocco d'Oro, Gnocco d'Argento, Gnocco di Bronzo, e una serie di menzioni speciali, sulla qualità del Gnocco, sulla frittura, sugli abbinamenti di qualità. Un premio che va al Gnocco ma sopratutto ai tanti chef, imprenditori, ristoratori, appassionati all'antica pietanza modenese, che tengono in vita con il loro lavoro quotidiano, una tradizione secolare altrettanto importante del tortellino, dello zampone e della Ghirlandina.




TROFEO GNOCCO D’ORO 2013


PREMIAZIONI TROFEO 
"CONFRATERNITA DEL GNOCCO D'ORO
RISTORANTI 2013"

1° Premio          
Ristorante Antica MOKA di Modena,
Consegnano il premio l’Assessore STEFANO PRAMPOLINI (Comune di Modena) e MASSIMO BOTTURA
2° Premio          
Ristorante LAGHI di Campogalliano
Consegnano il premio il Sindaco STEFANIA ZANINI (Comune di Campogaliano) e MASSIMO BOTTURA
3° Premio          
Trattoria BALDINI di San Martino Secchia (Carpi)           
Consegnano il premio il sindaco di Carpi Dott. Campedelli e MASSIMO BOTTURA Patron della pluripremiata Osteria Francescana, nel volume ha realizzato una ricetta sul Gnocco
4° Premio          
Antica Trattoria PONTE GUERRO di Spilamberto            
Consegnano il premio il Vice Sindaco DANIELA BAROZZI (Comune di Spilamberto) e LUCA MARCHINI, patron  del ristorante L'Erba del Re, e presidente Consorzio Modena a Tavola
5° Premio          
Hosteria GIUSTI di Modena
Consegnano il premio l’Assessore STEFANO PRAMPOLINI (Comune di Modena) e ERMES RINALDI Patron dell’Osteria omonima, che insieme alla moglie Bruna, conduce da 50 anni. Un’istituzione a Modena, frigge il Gnocco esclusivamente per beneficenza, in occasioni benefiche.
6° Premio          
Vecchia Trattoria ROMANI di Pavullo  
Consegnano il premio l’Assessore KATIA SALSI (Comune di Pavullo) e DAVIDE SCARABELLI, scultore, Accademico della Cucina e Gourmet
7° Premio
Ristorante La GAZZELLA di Gorzano (Maranello)
Consegnano il premio l’Assessore alla cultura (Comune di Maranello) e BEPPE PALMIERI, Sommelier dell’Osteria Francescana, miglior maitre d’Italia Guida dell’espresso. Cavaliere de Gran Gnoc
8° Premio          
FLAMBÄR Bistrot di Castelfranco Emilia
Consegna il sindaco di Castelfranco Emilia e il fotografo del volume “La Coppia Perfetta” ALESSANDRO BOSCOLO AGOSTINI
9° Premio AEX 
Trattoria ZANICHELLI di Torre Maina (Maranello)          
Consegna l’Assessore di Maranello e  LUCA DALLA CORTE, Cavaliere de Gran Gnoc
9° Premio AEX 
Trattoria BIANCA di Modena    
Consegna l’Assessore STEFANO PRAMPOLINI del Comune di Modena e STEFANO REGGIANI, Cavaliere de Gran Gnoc
10° Premio AEX
Trattoria IL FANTINO di Modena,
Consegna il premio  il gourmet sommelier Avv. MARIO LEONE
10° Premio AEX               
Trattoria SAUL di San Giacomo Roncole (Mirandola)   
Consegna il premio l’Assessore SAURO PRANDI (Comune Mirandola) e Luca Bonacini Gran maestro Confraternita del Gnocco d’Oro

PREMIAZIONI TROFEO 
"CONFRATERNITA DEL GNOCCO D'ORO - BAR 2013"

1° Premio          
CHIOSCO L'INSOLITO di Modena           
Consegnano il riconoscimento l’Assessore STEFANO PRAMPOLINI (Modena) e LUCA MARCHINI Patron del ristorante L’Erba del Re e Presidente Cons. Modena a Tavola, nel volume c'è una ricerca sul gnocco dessert, che ha in carta nel suo rist. e che ricevette gli apprezzamenti di Margherita Hack
2° Premio          
BAR PASTICCERIA DONDI di Modena   
Consegna il premio MAURO LOTTI, sua è una prefazione del volume “La Coppia perfetta”sull’abbinamento del gnocco ai drink
3° Premio          
BAR VIA TAGLIO 12 di Modena
Consegna STEFANO REGGIANI, Direttore Sanitario Clinica Hesperia , Collaboratore Guida dell’Espresso, Gran Cavaliere de Gran Gnoc di Modena, Nel libro intervista i due osti modenesi “superstiti”: Italo Pedroni e Ermes Rinaldi, che svelano dove vanno a mangiare il Gnocco
4° Premio          
CAFFE' DEL COLLEGIO di Modena
Consegna il premio LUCA DALLA CORTE, Si occupa di Comunicazione - E' uno degli organizzatori del Palio del Pettine, Gran Cavaliere de Gran Gnoc degli antichi territori della Bassa, ha cavalcato in lungo e in largo per la Bassa, assaggiando, accuratamente travestito
5° Premio          
BAR MODENA di Modena
Consegna il premio CARLO OTTAVIANO, Giornalista, già Direttore editoriale del Gambero Rosso, ha realizzato una prefazione nel volume, dove ci parla del cugino siciliano del Gnocco
6° Premio          
CAFFE' SOLMI di Modena
Consegna il premio ANTONIO PREVIDI, Patron della Trattoria Entrà di Finale, insieme alla sorella, dove non frigge Gnocco. E’ un grande esperto di Lambruschi, e chiamato da Slow Food a tenere convegni sull’argomento, nel volume ha parlato della inaspettata longevità del lambrusco
7° Premio          
BAR TIFFANY di Modena            
Consegna il premio Luca Bonacini, Gran Maestro della Confraternita del Gnocco d’Oro
8° Premio          
FOOD CLUB CAFE’ di Modena  
Consegna il Premio MAURO LOTTI, Già Capobarman al Grand Hotel di Roma per lungo periodo. Ha preparato Cocktail Martini a Presidenti e a capi di Stato, a Liz Taylor e Richard Burton, prima di diventare prezioso consulente di importanti case liquoristiche, ha scritto una pagina sul Gnocco a Firenze e ideato una serie di cocktail da abbinare al Gnocco
9° Premio AEX 
BAR PASTICCERIA GIULIA di Modena   
Consegna il premio l’Assessore STEFANO PRAMPOLINI (Comune di Modena)
9° Premio AEX 
CAFFE' ORONERO di Maranello              
Consegna il premio l’Assessore Comune Maranello
10° Premio AEX
CAFFE' GRAN PRIX di Modena 
Consegna il premio ANGELO GIOVANNINI, Giornalista, Cavaliere de Gran Gnoc degli antichi territori della Bassa, ha visitato con barba e baffi finti, bar e ristoranti dell’Area Nord
10° Premio AEX
PASTICCERIA CAFFETTERIA COMETA di Sorbara              
Consegna il premio l’Assessore del Comune di Bomporto
Menzione Speciale
SWING BAR di Casinalbo :
"per l'eccezionale bontà del Gnocco, e la straordinaria qualità dei salumi"         
Consegna il premio il Vice Sindaco ANTONIETTA VASTOLA (Comune di Formigine)
Menzione Speciale
BAR RISTORANTE CAVALLINO di Soliera :
"per l'eccezionale bontà del Gnocco e la speciale selezione di   prodotti"              
Consegna il premio l’Assessore MAURIZIO ANDREOLI (Comune di Soliera)

PREMIAZIONI "CARLINO D'ORO
RISTORANTI 2013"

1 Trattoria La Pieve di Vignola
consegna il Vice Sindaco del Comune di Vignola
2 La Spiaggetta di Savignano sul Panaro             
consegna l’Assessore del Comune di  Savignano sul Panaro
3 Uva D'Oro di Modena              
consegna l’Assessore STEFANO PRAMPOLINI Comune di Modena
4 Ristorante Da Guido di San Vito di Spilamberto
consegna il Vice Sindaco di Spilamberto DANIELA BAROZZI
5 Trattoria del Giardinetto di Modena
Consegna il premio Davide Scarabelli, Scultore, Accademico della Cucina Italiana, Gran Cavaliere de Gran Gnoc degli antichi territori del Frignano, ha visitato bar e ristoranti della montagna, celando la sua identità
6 Trattoria Il fantino di Modena             
Consegna il premio NICO LUSOLI, Fiduciario Slow Food di Modena, grande conoscitore delle tipicità modenesi, e delle eccellenti materie prime del territorio, in qualità di Cavaliere de Gran Gnoc, ha visitato senza rivelare la sua identità bar e ristoranti a Modena e provincia
7 L'osteria del Torchio di Modena         
Consegna il premio MARIO LEONE, Sommelier, fine gourmet, gran connosseur di cantine e piccoli produttori, nel tempo libero Avvocato
8 Ristorante Ca' Marta di Sassuolo        
Consegna il premio l’Assessore UGO LIBERI (Comune di Sassuolo)
9 Osteria Ponte Pescale di Sassuolo     
Consegna il premio l’Assessore UGO LIBERI (Comune di Sassuolo)
10 Trattoria Bianca di Modena 
Consegna il premio l’Assessore STEFANO PRAMPOLINI (Comune di Modena)

PREMIAZIONI "CARLINO D'ORO
BAR 2013"

1 Bar dalla Rezdora di Fiorano Modenese         
Consegna il premio il Sindaco CLAUDIO PISTONI (Comune di Fiorano Modenese)
2 Bar Bonacini di Modena          
Consegna l’Assessore STEFANO PRAMPOLINI (Comune di Modena)
3 Bar Modena di Modena          
Consegna il premio Alessandro Federzoni, Sommelier, importatore di vini, champagne, e distillati, partecipa a tre degustazioni alla settimana, e mangia al ristorante 7 giorni su 7. E’ Cavaliere de Gran Gnoc
4 Bar Nazionale di Fanano         
Consegna il premio il Sindaco LORENZO LUGLI (Comune di Fanano)
5 Swing Bar di Casinalbo            
Consegna il premio l’Avv.to Mazzini Camera di Commercio di Modena
6 Caffè Mirò di Modena             
Consegna il premio Ennio Cottafavi, Gourmet infaticabile, appena può va con gli amici e la famiglia a visitare cantine e piccoli produttori. E’ Cavaliere de Gran Gnoc
7 Bar Le Chat di Modena            
Consegna il premio Roberto Armenia, Giornalista, gourmet, ha portato a Modena oltre 300 importanti scrittori e giornalisti a presentare i loro libri, facendogli conoscere le nostre eccellenze. E’ Cavaliere de Gran Gnoc
8 Bar Il Cavallino di Soliera        
Consegna il premio l’Avv.to Mazzini - Camera di Commercio di Modena
9 Food Club Café di Modena    
Consegna il premio l’Assessore STEFANO PRAMPOLINI (Comune di Modena)
10 Bar Tiffany di Modena           
Consegna il premio il fotografo del volume “La Coppia fumante”ALESSANDRO BOSCOLO AGOSTINI, appassionato interprete del mondo FOOD, chioggiotto. E’ Cavaliere de Gran Gnoc

lunedì 18 novembre 2013

IL TROFEO GNOCCO D'ORO 2013 E IL CARLINO D'ORO PROCLAMATI IL 21 NOVEMBRE


In Camera di Commercio a Modena 
doppio evento 
Confraternita del Gnocco d'Oro

Giovedi 21 novembre alle ore 11,
la proclamazione del verdetto per il miglior gnocco fritto a Modena e provincia:
Trofeo Confraternita del Gnocco d'Oro 2013 
e Carlino d'Oro 2013.

Per l'occasione 
la Confraternita del Gnocco d'Oro ed Edizioni Artestampa presentano il volume
“LA COPPIA PERFETTA”.




Dopo due anni di attesa ritorna la classifica dei migliori professionisti del gnocco: giovedì 21 novembre alle ore 11, presso la Camera di Commercio a Modena, fragrante evento di proclamazione del verdetto per il Trofeo Confraternita del Gnocco d'Oro 2013 e per il Carlino d'Oro 2013. Due differenti votazioni – una della Confraternita del Gnocco d'Oro, l'altra della giuria popolare dei lettori – assegneranno i prestigiosi riconoscimenti ai migliori ristoranti e bar di Modena e provincia.  Dopo ventiquattro lunghi mesi di estenuanti assaggi dalla montagna alla Bassa, dal Secchia al Panaro, Trenta indomiti Cavalieri della Confraternita del Gnocco d'Oro, rigorosamente in incognito, hanno percorso in lungo e in largo la provincia modenese, per raccogliere quante più informazioni possibili sul dorato pezzetto che si frigge quotidianamente a tutela della tradizione in oltre cento bar e quasi trecento trattorie e ristoranti, in mille e gustose ricette differenti. Accanto alla classifica con i migliori professionisti del gnocco stilata dalla Giuria di Qualità della Confraternita, ci sarà l'altrettanto importante responso del voto popolare dei lettori del Carlino. Come nella precedente edizione del 2011, anche per questa edizione 2013 è stato realizzato un accattivante volume, a cura di Luca Bonacini, dedicato questa volta a La coppia perfetta, ossia ai più gustosi e originali abbinamenti del gnocco fritto. Più di quaranta ricette per gustare il gnocco con fantasia e rispetto della tradizione. A questo secondo numero della collana hanno partecipato dieci gourmet e chef di fama internazionale, donando una propria interpretazione della prelibata pietanza.





domenica 10 novembre 2013

GNOCCO IN COLLINA rito a cui non si rinuncia

GNOCCO FRITTO, LAMBRUSCO & COLLINE MODENESI
di Luca Bonacini





Dal confine con la Toscana a quello con la Lombardia, dal reggiano al bolognese, il territorio modenese è un’ enorme padella di strutto ben caldo che frigge ogni giorno. Oltre cento bar, e circa duecento tra trattorie e ristoranti, immettono quotidianamente nell’atmosfera quel seducente profumino, distribuendo l’irresistibile pietanza. Si frigge un po’ dappertutto anche nei dintorni di Castelvetro, il turismo eno gastronomico ogni anno riversa in questi luoghi magici migliaia di turisti, che possono bearsi di un panorama raro, ritemprarsi con aria frizzante, conoscere la buona cucina modenese, imprimendo nella memoria ben bene, i sapori di questo territorio amato da Enzo Ferrari e da Luciano Pavarotti. Luoghi di grande suggestione, lambiti ad est dal fiume Panaro e ad ovest dai torrenti Tiepido e Guerro, all’interno ci sono colli, declivi, frutteti e ampi spazi coltivati a vigneti, piccoli e preziosi borghi medievali, e tanti ristorantini, alcuni dove vale veramente la pena di recarsi, per il livello qualitativo, e per l’amichevole accoglienza. Il Gnocco regna indisturbato sovrano in tutti i contesti conviviali possibili e immaginabili, e dopo un certo snobismo nel quale era stato relegato per quasi un decennio, ha ripreso il sopravvento prepotentemente e ora, incurante della concorrenza di sushi e sashimi, di nuovo accompagna gli aperitivi con la A maiuscola, e le cene tradizionali che si rispettino, sia per festeggiare con amici e la famiglia, che per accogliere come si deve chi viene a Modena da fuori, anche e soprattutto per la cucina. 



Si frigge senza incertezze da queste parti, e ogni scusa è buona, una sagra, una festa dell’Unità, una manifestazione  sportiva, momenti di sincera condivisione per stare insieme in allegria, come accadrà oggi pomeriggio per il San Martino della Cantina Settecani, dove poter assaggiare Gnocco e vino nuovo. Tra le mie mete preferite di quei dintorni c’è il Gnocco di Cesare a Spilamberto; quello della Campagnola a Vignola;  c’è il  Gnocco di Zoello, amato anche da Bartali, servito nella sala ristorante, ma anche al bar adiacente per uno spuntino veloce; c’è quello del Divin Leone di Levizzano, preparato alla maniera ligure; c’è quello detto dei frati, al ristorante Il Colle a Puianello; c’è il Gnocco delle mie “baracche” giovanili da Zanichelli a Torre Maina, e alla Siberia da Tonozzi poco più in là. Un cibo che mette d’accordo tutti, a patto che sia cucinato con cura, nel rispetto della tradizione, e fritto senza se e senza ma con lo strutto bollente, ma anche e soprattutto con un po’ d’amore.

lunedì 28 ottobre 2013

LA VASTEDDA FRITTA, CUGINA DEL GNOCCO

GLI ALTRI GNOCCHI IN GIRO PER IL MONDO
Cosa, quando e dove, si frigge ogni giorno ai quattro angoli del pianeta





La Vastedda fritta

anche all’estremo sud d’Italia nell’affascinante Sicilia, si frigge con entusiasmo, qualcosa di molto simile al gnocco. E’ una frittella che può essere dolce o salata tipica di Gratteri, in provincia di Palermo, chiamata Vastedda fritta, un prodotto tipico ufficialmente inserito nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani (P.A.T) del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali (Mipaaf). La sua preparazione non differisce molto da quella dello gnocco fritto o della pizza fritta campana, prevede l’utilizzo di farina, lievito, olio extravergine d'oliva. Una volta ottenuta la pasta, e tagliata in rettangoli, viene posta al centro un'acciuga salata, dissalata piegata in due e poi fritta . Può essere anche dolce, a fine frittura, in questo caso viene passata nello zucchero. Un’antica sagra, si svolge ogni anno a Gratteri, località in cui tradizionalmente viene preparata la Vastedda fritta. A Modica viene preparata una versione molto simile a quella di Gratteri, la Vastedda fritta modicana, preparata in tutta la provincia di Ragusa che prevede l'uso delle uova nell'impasto e del formaggio Ragusano DOP nel condimento.




Il Gnocco sia con voi
Luca Bonacini

Gran Maestro della Confraternita del Gnocco d’Oro

giovedì 24 ottobre 2013

IL CONCORSO DEL GNOCCO D'ORO ripreso dal blog SCATTI DI GUSTO

IL CONCORSO DELLA CONFRATERNITA DEL GNOCCO D'ORO (in realtà sono due), ripreso dal celebre sito food: SCATTI DI GUSTO
il blog Scatti di Gusto, riprende i due grandi concorsi sul Gnocco 
a Modena, che andranno a eleggere il Gnocco d'Oro 2013, e i migliori locali che friggono il gnocco ogni giorno



Un sito nel quale andiamo sempre e volentieri per avere spunti, e per rimanere aggiornati, e loro lo sono sempre. Comunque non cambia la sostanza, Votate, Votate, Votate! Ecco il link :

http://www.scattidigusto.it/2013/10/15/dove-mangiare-il-gnocco-fritto-a-modena/

sabato 5 ottobre 2013

GNOCCO D'ORO 2013 : DUE MESI PER VOTARE IL GNOCCO PIU' BUONO

gnocco connection
GNOCCO D'ORO 2013: chi si aggiudicherà l'ambito riconoscimento ?
Due concorsi, e due mesi, per eleggere il gnocco più buono preparato nei bar e nei ristoranti modenesi, a cura della Confraternita del Gnocco d'Oro



Oggi riparte il concorso che nel 2011 ebbe un grande successo, allora erano i bar che friggono la delizia modenese, ad essere visitati e votati, quest'anno saranno bar e ristoranti. Un concorso de Il Resto del Carlino votando bar e ristoranti preferiti, con la scheda che si troverà sul quotidiano ogni giorno, e un concorso a cura di una giuria tecnica in incognito, che selezionerà il bar e il ristorante migliore e più fedele alla tradizione.

VOTATE ! VOTATE ! VOTATE !

mercoledì 7 agosto 2013

I Cavalieri de Gran Gnoc al festival dell'Oliva ripiena di Ascoli

Tra Fritti ci si intende
Festival dell'Oliva ripiena ad Ascoli Piceno
Ci sarà anche la Confraternita del Gnocco d’Oro a festeggiare l’oliva all’ascolana, ben nota tipicità (fritta)di Ascoli, dall'8 al 15 agosto, con il meglio della produzione Dop



ASCOLI PICENO- Saranno l'attrice Cecilia Capriotti e il motociclista Romano Fenati, entrambi ascolani, i testimonial della prima edizione di 'Ascoliva', il festival dedicato all'oliva ripiena ascolana che si svolge da oggi al 15 agosto in piazza Arringo ad Ascoli Piceno. L'Oliva Palas (aperto tutti i giorni dalle 18 all'una di notte) ospiterà 12 espositori, tutti produttori artigianali di oliva ripiena all'ascolana, che proporranno il sapore inconfondibile dell'oliva locale e di altri prodotti gastronomici caratteristici del Piceno. Il Salone dell'Oliva si aprirà con una tavola rotonda sul tema ''L'oliva ascolana del Piceno Dop: un'opportunità per l'oliva all'ascolana''. Un nutrito manipolo di Cavalieri de Gran Gnoc porterà i propri saluti agli organizzatori di questa kermesse, sull’oliva ascolana Dop, un’interessante iniziativa di valorizzazione con banchi d’assaggio e tavole rotonde, alla riscoperta di uno dei cibi più gustosi e imitati d’Italia, ma che nella meravigliosa città di Ascoli è nato.''Il Festival nasce per dare ad Ascoli quello che è di Ascoli - spiega il presidente dell'associazione Ascolincentro Primo Valenti -. Vogliamo legittimare Ascoli come capitale dell'oliva ripiena e al tempo stesso valorizzare le bellezze della città, utilizzando il marchio dell'oliva per far conoscere i monumenti, gli eventi, l'arte e le eccellenze del territorio''.


Crediti | Link: Ansa

domenica 4 agosto 2013

il GNOCCO di FERRAGOSTO ai GIARDINI

MERCOLEDI 14 AGOSTO 2013
FERRAGOSTO AI GIARDINI


Una serata un po’ speciale all’insegna della gastronomia tipica e della modenesità quella che si terrà il 14 agosto ai Giardini Pubblici di Modena, che potremmo goderci in compagnia dei tanti rimasti in città. Un’appuntamento fisso ormai quello con le diapositive di Beppe Zagaglia, fotografo e interprete della Modena nascosta di ieri e di oggi, che ci riporterà ai tempi del Bar Università, del Grand’Italia, del Nazionale, tappe fisse nelle notti insonni dei ragazzi dell’epoca e tour notturno dei biasanot. Immagini in bianco e nero indelebili in chi le ha vissute, ma altrettanto coinvolgenti per chi per motivi anagrafici non c’era. Una Modena che è cambiata tanto e che stentiamo a riconoscere, ma che è bello sentire raccontare da chi ne è stato protagonista, una Modena nella quale poteva capitare di incontrare lo scrittore Antonio Delfini uscire dal ristorante Oreste, dove fu comparsa involontaria durante le riprese del film “La bella di Lodi”, dove non era raro vedere Enzo Ferrari entrare dal barbiere di fiducia in Corso Canalgrande, dove si poteva essere fianco a fianco di Luciano Pavarotti e suo papà Fernando, per un caffè, al banco bar dell’Orologio del Cavalier Comini. Ma non una serata all’insegna della nostalgia, ci saranno i giochi di strada per i bambini, il gnocco fritto e il cotechino offerti dall’Insolito Bar e dal Bar Schiavoni, il panettone d’estate della pasticceria Dondi e il gelato della Gelateria Tassoni 68, la buona musica di “Ensemble d’autore”, insomma un occasione per vivere, speriamo al fresco, la città in allegria insieme a tanti amici.


Ore 19
Giochi tradizionali di strada per i bambini
A cura di Area Sport e Giochi Tradizionali Uisp

Dalle ore 20
A Cena insieme
Gnocco fritto e cotechino, gratis per tutti offerti da L’Insolito Bar e Casa Modena, con la collaborazione di Bar Schiavoni, I ragazzi del Mesar e Tigella Km0 da agricoltori modenesi. Lambrusco offerto da Civ & Civ. panettone artigianale tradizionale di Ferragosto e dolci della Pasticceria Dondi. I gelati della Gelateria Tassoni 68.



Ore 21
C’era una volta il Bar
I Bar Università, Il Grand’Italia e dintorni. Immagini parole e musica con Beppe Zagaglia e i suoi amici.
Ensemble d’autore – Musica senza confine
Con
GEN LLUKACI al violino
CLAUDIO UGHETTI alla fisarmonica
PABLO DEL CARLO al contrabbasso
Con la partecipazione strordinaria di Sabrina Gasparini e Milena Salardi

In collaborazione con RADIO STELLA


In caso di maltempo l’iniziativa si terrà alla Polisportiva Modena Est

martedì 16 luglio 2013

Nuove aperture : GNOCCO nella CITTA' ETERNA

Gnocco e Tigelle all'ombra del Colosseo
Due giovani ed entusiasti gourmet, grazie alla loro determinazione e all’aiuto di tanti amici, stanno per aprire a Roma una gnoccheria e tigelleria (pardon crescenteria). I migliori auguri dalla Confraternita del Gnocco d'Oro. Appena apriranno, ci ripromettiamo di procedere ad una visita …




“Siamo Riccardo e Clara, entrambi trasferiti a Roma per motivi di lavoro, con il tempo ci siamo conosciuti meglio e abbiamo scoperto di condividere tante passioni e dopo una vacanza insieme ci siamo innamorati ed oggi viviamo felicemente insieme. Da anni lavoriamo io come grafico pubblicitario e lei come web designer, ma purtroppo, in Italia essere creativi non viene riconosciuto come un lavoro che ha una sua professionalità e un suo valore. Condividiamo tante passioni e cerchiamo di coltivarle al meglio ma Clara tra le tante cose si è dedicata alla cucina e viste le sue origini emiliane mi ha fatto scoprire prodotti che non conoscevo, il gnocco e le tigelle, prodotti gastronomici della tradizione modenese. Abbiamo iniziato a prepararli a casa durante le serate con gli amici che tra un bicchiere di vino e quattro risate li hanno amati da subito. Visto il loro successo abbiamo iniziato a prendere in considerazione l’ipotesi di aprire la prima tigelleria take-way a Roma con tigelle e gnocco fritto e tuffarci nel meraviglioso mondo dello Street Food con una serie di idee interessanti da poter mettere all’opera quanto prima. Abbiamo scelto di chiamare il nostro progetto MOZAO  che sarebbe il “Ma Ciao” in emiliano che  è diventato un pò il tormentone tra i nostri amici quando salutavano Clara, diventando il nostro motto e la nostra insegna. Il locale non c’è ancora ma speriamo entro l’autunno di aprire finalmente, raccogliendo i fondi che ancora mancano per realizzare il nostro sogno.”


X info:

MOZAO : Tigelle & Gnocco Fritto

www.mozao.it

venerdì 28 giugno 2013

DEGUSTAZIONE DI 25 DIVERSI TIPI DI GNOCCO FRITTO

eventi da non perdere


Lunedi 1° luglio al ristorante

Laghi di Campogalliano

degustazione di :


GNOCCO FRITTO 

DECLINATO IN 25

 DIFFERENTI PREPARAZIONI

ABBINATO A 

9 LAMBRUSCHI 

RIFERMENTATI IN BOTTIGLIA

elenco dei produttori presenti :


Podere il Saliceto ( 200 mt )

Az.Agr. Casalpriore ( 2.5 km )

Az.Agr. Francesco Vezzelli ( 7.5 km )

Soc Agr Paltrinieri ( 11.5 Km )

Cantina della Volta ( 12.5 km )

Claudio Plessi ( 16 km )

Az Agr San Polo ( 23 km )

Fattoria Moretto ( 25 Km )

Poderi Fiorini ( 30 Km )


venerdì 14 giugno 2013

GNOCCO a TRENTO

Voglia irrefrenabile di Gnocco
di Luca Bonacini



Conoscendomi, potrei essere colto da una crisi di astinenza, se non assumessi la mia dose settimanale di gnocco fritto, il lunedì se è una settimana particolarmente dura e ho bisogno dell’aiutino, il mercoledì se è un giorno difficile, il venerdì se proprio non se ne esce. A Modena saprei dove andare, ma se mi trovassi a viaggiare verso il Brennero e all’altezza di Trento mi cogliesse la voglia matta, cosa fare ? Beh, gli amici della Confraternita come sempre mi vengono in aiuto, sono infatti alcuni mesi che giungono lusinghiere segnalazioni di un posticino gestito da un ragazzo emiliano che in provincia di Trento sta facendo un ottimo lavoro, nel promuovere con cura e passione il cibo della terra di Giuseppe Verdi, di Enzo Ferrari, di Luciano Pavarotti, e in particolare, e qui veniamo al dunque, prepara un gnocco fritto di eccezionale qualità. Una storia fatta di passione e amore per una professione, iniziata con  un lungo periodo su e giù per la grassa Emilia a selezionare i migliori prodotti tipici della regione: il prosciutto crudo di Modena, i ciccioli, il salame, il culatello, la mortadella, il Parmigiano Reggiano, il Lambrusco, i mirtilli selvatici, il nocino. Lunghe chiacchierate con conoscitori, gourmet, produttori, e tante degustazioni, per ampliare la propria conoscenza e portarla con se a Trento. La patria dei Canederli, della Carne Salada, dello Zelteni ci ha messo poco a lasciarsi coinvolgere dopo che Enrico Spagna ha aperto il suo locale, reggiano, una laurea in Sociologia, e tanta voglia di fare, ha portato le migliori eccellenze dell’Emilia nel Trentino. I salumi sono venduti a peso: il prosciutto di Modena Baldoni; il Crudo del Grifo di maiale rosa 30 mesi; il prosciutto di Nero di parma 30 mesi; il prosciutto di Mora Romagnola di 4 anni; il Parmigiano Reggiano; l’aceto balsamico, oltre naturalmente a una mescita qualificata dei vini regionali più premiati; il tutto da sposare con il buon gnocco fritto di antica memoria, un cibo che è una vera e propria bandiera per Enrico che ne ha fatto addirittura l’insegna del locale: La Gnoccata. Riferendosi a una festa che si svolge ogni tre anni a Guastalla, la rievocazione di una insurrezione popolare: la reazione che nel 1864 una popolazione già gravemente tartassata mise in atto contro l’ennesima batosta, la tassa sul macinato. Guidati da un gruppo di mugnai e intellettuali, i guastallesi si unirono in un corteo satirico inneggiante la venuta del Re Gnocco e un diverso ordine sociale, che si concluse con una grande mangiata di gnocchi nella piazza centrale.



La gnoccata
Gnocco fritto e Tigella - cucina tradizionale emiliana di qualità
spaccio e ristoro prodotti emiliani - specialità dall’Emilia
Via Ponte Alto, 125 - 38122 Trento, Italia

Cell +393403502964 - Tel 0461260371


Link immagini : La Gnoccata Tn - kucinadikiara.blog

sabato 8 giugno 2013

SPALLA COTTA E TORTA FRITTA DEL MAESTRO VERDI

Il pensiero mi corre al gnocco fritto …


dal sito La Cucina Economica, postiamo volentieri questo articolo sul maestro Giuseppe Verdi, sul suo amore per la spalla cotta e per la torta fritta, e c’è anche una ricetta, finalmente con lo strutto …




Dalle Memorie Verdiane sappiamo che  il Maestro si recava con piacere a San Secondo per mangiare questo superbo prodotto, la spalla cotta, che donava spesso ai suoi amici, allegando le istruzioni per cuocerla senza farla diventare stopposa. In una delle tante lettere arrivate fino a noi, con queste parole Verdi si rivolge alla famiglia Ricordi cui aveva regalato una spalla:

«Metterla nell’acqua tiepida
per circa dodici ore onde levargli il sale,
trasferirla in acqua fredda e poi farla bollire
a fuoco lento, onde non scoppi, per
circa tre ore e mezza. Per sapere se la
cottura è al punto giusto si fora la spalletta
con un curedents [stuzzicadenti]»



Si sa che Verdi si è sempre considerato un contadino e questa come tante altre testimonianze epistolari ci consegnano un’immagine di lui curiosa. Pare quasi di vederlo mentre, tra un’opera e l’altra, sbocconcella gnocco fritto imbottito, se lo porta alle prove incartato nei vecchi spartiti, che, seppur unti e bisunti, oggi sono i più cacciati dalle migliaia di collezionisti verdiani. Alla sera, seduto al desco, descrive agli amici più cari i trucchi per cucinare e consumare la spalla di San Secondo, servendola possibilmente tiepida ma anche fredda, accompagnata da torta fritta e un bicchiere di briosa Fortanina.



La cucina economica prepara lo gnocco fritto seguendo la ricetta de
La cucina italiana :

Ingredienti:
500 gr. di farina tipo 0
100 ml di latte e
100 ml di acqua frizzante (o comunque quanto basta per ottenere un impasto morbido ed omogeneo)
una punta di bicarbonato,
2 cucchiai di olio di arachidi
1 cucchiaino di sale (quanto basta in base al vostro gusto)
1/2 chilo di strutto per friggere
Preparazione :

Per cucinare il gnocco fritto secondo la ricetta tipica reggiana, occorre sciogliere il bicarbonato nel latte mischiato all’acqua; mescolate la farina con gli altri ingredienti (olio, sale e la soluzione di acqua olio e bicarbonato) e lavorate per 10 minuti circa fino ad ottenere un impasto morbido ed omogeneo. Lasciate la pasta a lievitare per almeno 60 minuti poi reimpastate nuovamente e lasciatela riposare e lievitare per altri 60 minuti. Tirate l’impasto a sfoglia non troppo sottile e ritagliatene dei rettangoli. Questi andranno poi fritti in una padella con lo strutto bollente; lo strutto è essenziale in quanto regge meglio le alte temperature rispetto a qualsiasi altro tipo di olio. I pezzi di gnocco fritti andranno poi posizionati su un foglio di carta assorbente che ne assorba l’unto . L’ideale è servito caldo accompagnato da un piatto di affettato misto con prosciutto crudo stagionato, coppa stagionato, salame e pancetta e soprattutto la famosa spalla cotta. Manco a dirlo da servire con una bottiglia di buon lambrusco secco e frizzante.

Link : La Cucina Economica